Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 13 (1871).djvu/85

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

fra venezia e ravenna 81

digiuno». -«E pur da quindici giorni, risposegli impiesita la giovine donna, d’altro io non vivo che di cuoia bollite e già il latte mi manca per il mio figliuolo; ma leva su, e se nel mio povero seno ancor ne rimano , presto accosta le labbra e rinforzato corri alle mura». Allora il soldato levò il capo, e raffigurata la gentildonna ed accortosi al pallore del suo bellissimo viso quanto dovea aver sofferto per la fame, vergognò del lamento e gittatosi alla disperata tra’ nemici, quattro ne uccise, ed assalito il quinto, fu morto.

E Iddio non volle lasciare tal virtù senza aiuto. Chè notte tempo grande moltitudine di lumi si vide discendere per le pendici del monte di Falconara. Era la gente di Aldruda Frangipani contessa di Bertinoro, la quale sebbene riconoscesse i suoi castelli dall’impero, all’udire che perfino le misere donne di Ancona erano state vituperate dal Legato imperiale, gli si era mossa contro, e traversato con grande rischio il contado della nemica Ravenna, dopo quattro giornate giungeva con i suoi vassalli e coi Lombardi assoldati da Guglielmo Marcheselli. Gli avamposti dell’oste imperiale non immaginavano mai che il numero de’ lumi era triplice di quello dei nemici e che ogni soldato avea appeso tre lumicini alla lancia, e corsero spaventati all’arcivescovo annunziando che una poderosa oste con schiere bene ordinate e compatte era vicina. E già udivansi le voci di que’ guerrieri che scorgendo le torri d’Ancona acclamavano alla loro ardita e generosa signora, e poscia le grida dei cittadini che dai portici della chiesa maggiore rispondevano ai loro liberatori, sì che l’arcivescovo per non esser preso in mezzo in quella notte medesima, levò l’assedio.

Ma i Veneziani, come quelli che erano molto accorti e tenaci, seppero trarre vantaggio anche da questa impresa così fallita, e richiamando le loro navi per lo avvicinarsi del verno, conchiuso prima un vantaggioso trattato coi Riminesi, per lungo tempo impedirono agli