Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atti della r. deputazione vii

serie: cioè cronologico, geografico, e onomastico; e si pubblicherà dentro il 1891.

3. Che nel 1892, compiendosi cinquanta anni dalla fondazione dell’Archivio storico italiano di Giovampietro Vieusseux, se ne celebri il giubbileo in modo degno. E su ciò fu stabilito in massima che sia pregato il Presidente della R. Deputazione di tenere in quell’occasione una conferenza che riassuma la storia dell’Archivio; che questa conferenza sia poi stampata in un libretto, dove siano pure raccolte notizie sintetiche sulle materie contenute nell’Archivio; e che infine questo libretto venga offerto in omaggio al Quinto Congresso storico italiano, che si terrà in quell’anno in Genova.

Relazione del Segretario. — Fu presentata al Consiglio direttivo dal segretario prof. Cesare Paoli nell’adunanza del 16 gennaio 1891: ma, riferendosi essa a cose operate nel triennio 1888, ’89, ’90, crediamo opportuno darne qui un sunto, in specie per quanto risguarda l’Archivio e la Biblioteca della R. Deputazione.

I. Archivio — Si è ordinato il Carteggio e i documenti adesso allegati, per anni e per affari dal 1862 al 1880; per gli anni 1881-87 l’ordinamento è già bene avviato, e sarà compiuto nell’anno corrente. Il carteggio dell’ultimo triennio è tenuto in pieno ordine, e contiene 30 inserti d’affari pel 1888; 34 per l’89; 26 pel ’90; oltre due buste che contengono, diligentemente ordinati per materie e provveduti d’indici, gli Atti del Quarto Congresso storico italiano. — Si è costituito un Registro degli Ufficiali della R. Deputazione cronologico e onomastico; e un Registro dei Soci, per anzianità di nomina, che è compiuto riguardo agli ordinari, e rimane ancora da essere meglio appurato riguardo ai corrispondenti. — Il libro dei Processi verbali, incominciato fino dall’istituzione della R. Deputazione, si è continuato regolarmente. — Si è avviata una migliore sistemazione delle carte spettanti all’Archivio storico italiano, le quali si distinguono in due epoche: quella in cui l’Archivio storico era di proprietà di G. P. Vieusseux; e l’altra dacché (1865) l’Archivio stesso passò in proprietà della R. Deputazione.

II. Biblioteca. — La Biblioteca della R. Deputazione si compone: di periodici ricevuti in cambio dell’Archivio storico italiano; delle pubblicazioni delle altre Deputazioni e Società storiche italiane, non che di alcune Accademie italiane e straniere; di libri pervenuti in dono o, in minima parte, comprati; e di qualche manoscritto. Si è cominciato il catalogo della Biblioteca (che mancava), e si sono catalogate finora 495 opere e 771 opuscoli di miscellanea, inoltre, per maggior garanzia della restituzione dei libri dati a lettura fuori della Biblioteca, si è impiantato un Libro dei