Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/156

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
136 aneddoti e varietà

cosi prendevasi ancora il punto quando l’esercito fiorentino, raccolto nei campi, già fronteggiava il nemico, e il Capitano doveva essere investito del comando dai Commissari della Repubblica. E gli astrologi, gelosi quant’altri mai dei loro privilegi, erano sempre intenti a farli osservare; e di ogni caso, di ogni fenomeno si servivano per richiamare all’antica consuetudine il Magistrato, talvolta dimentico di loro. Ad esempio valga il fatto che la mattina del 29 settembre 1453, approfittando dello spavento che avevano incusso nell’animo di tutti i cittadini "terremoti terribilissimi et spaventevoli „ sentiti in Firenze circa la mezzanotte del 28 al 29, essi, riconoscendo in questo caso l’influsso degli astri, ricordavano ai Signori Priori l’antico costume, e facevanli soprassedere alla cerimonia del bastone, già ordinata, fino a tanto che i tempi fossero diventati propizi1.

Certo essi alla richiesta dei Magistrati della Repubblica rispondevano coscienziosamente e nulla trascuravano che potesse importare all’esito felice dell’impresa ch’erano chiamati a favorire colle loro pratiche. Studiavano il corso delle stelle e, trovato coi loro calcoli il punto propizio, ne davano per iscritto notizia minuta e precisa al Magistrato e lo confortavano a non dipartirsi in nessun modo dai loro precetti, perchè non fallisse per colpa sua l’opera del Capitano cui doveva essere dato colle note insegne il comando degli eserciti2. Di tali precetti è monumento prezioso la lettera che a Lorenzo de’ Medici, sindaco eletto a dare il bastone ad Ercole d’Este, scrivevano il 26 settembre 1478 i Dieci di Balia3. Nella quale gli dicono di essere stati confortati a mandargli la polizza stessa dell’astrologo affinchè egli possa osservare diligentemente il punto designato, che sono le ore sedici e un quinto; e lo esortano ad attenersi strettamente alle loro

    signore di Pesaro, l’araldo scrisse: «Adi 4, hore 17 ⅓. in giovedì, prese el bastone»; e, sebbene non lo dica, è certo che quell’ora fu indicata dall’astrologo.

  1. Doc. I.
  2. Doc. II.
  3. Ivi.