Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/163

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

l'astrologia e la consegna del bastone 143

solenne, ma non lasciavansi cogliere da commozione, che avrebbe potuto essere dannosa ai loro interessi non meno che alla loro persona. I Capitani generali stessi non nutrivano altri sentimenti che quelli dei loro uomini; e, ricevendo, in un giorno o propizio od infausto, con quelle insegne il comando supremo, d’altro non curavansi che di accrescere il loro stato per mezzo di quel bastone d’abeto, di quella gloriosa bandiera gigliata!





DOCUMENTI.

I.


(R. Archivio di Stato in Firenze. - Riformagioni. - Signori. Carteggio: Missive, Registri, I Cancelleria n.° 38, a c. 147 t.°).

Commissariis campi.



Spectabiles concives car.mi Noi vi scrivemo hiersera quanto fu di bisogno risponcendo a la vostra ultinna de’ di 26 et dipoi non abbiamo vostra lettera, né a noi occorre dirvi altro di nuovo. Questa solo vi facciamo per darvi notitia come questa mattina sentendosi da m.o Paolo et da altri la commissione che v’abbiamo data di dare il bastone al ma.co s. messer Sigismondo ci anno ricordato che per insino adi diecj d’ottobre non e’ è alcun punto da fare tale acto, ma tutti sono punti contrarli. Et ànnoci confortato a iure differire il dare del bastone insino a quel tempo. Et così ci contentiamo che si facci. Et in questo mezo faremo vedere con più diligentia quale et quando sarà il punto buono et darenvene notitia acciò che lo facciate allora. Et nondimeno è nostra intentione che la sua M.tia abbia l’obedientia et il governo et sia Cap.o generale et così eserciti quello uficio come se avesse avuto il bastone. Et però sarete con la Sua M.tia et con quelle parole et modi che vi parranno migliori li darete notitia di questo che vi scriviamo et faretelo rimanere contento che soprasegga al dare di decto bastone ceme è detto; non obstante che a voi et allui abbiamo per altre scripto che voi glele diate a sua posta; avisandovi che la nocte passata dopo le cinque hore ci cominciorono terremoti terribilissimi et spaventevoli, quali non furono mai più uditi per huomo che ci sia, con guastamente di molte case et edifici. Donde è proceduto che c’è stato ricordato questa cattiva dispositione de’ Cieli che corre al presente et debba correre anchora alchun di .....
Dat. Florentie die xxviiij septembris 1453 hora 17.