Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/182

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
162 corrispondenze

da tali decreti si videro rovinati, andarono allora a fondare e munire una nuova città sopra un’area indipendente dal fisco imperiale.

Al conte Schack dobbiamo una Storia dei Normanni in Sicilia1, scritta in buono stile, ma non del tutto corrispondente alle più rigorose esigenze della scienza.

Nella collezione degli Annali della storia tedesca, Edoardo Winkelmann ha pubblicato il primo volume della Storia di Federico II2, che abbraccia gli anni 1218-1228, perchè i primi anni del governo di codesto imperatore già furono narrati da lui nella storia dei re Filippo e Ottone IV, che egli pubblicò nella stessa collezione nel 1873. Il centro dell’imperio tedesco-romano era sotto Federico II principalmente in Italia, e così anche nell’opera del W. la storia italiana forma la base del racconto. All’Italia sono dedicati tre dei 4 libri, cioè i seguenti: 1.° Federico II negli ultimi anni come re; 2.° dalla coronazione imperiale fino al trattato di S. Germano; 3.° Federico nelle relazioni col papìa e coi Lombardi; e 6 degli 8 aggiunti. Winkelmann ha già trattato della medesima materia in un libro che recava il medesimo titolo e che fu stampato nel 1863, ma veramente si può dire che questo sia un libro nuovo, poichè in questa opera egli studia coscenziosamente ed assiduamente tutta la farragine di fonti pubblicate da quell’anno in poi ed i resultati della dotta critica, raccolti specialmente nei regesti di Federico, magistralmente compilati dal Ficker. Così quest’opera, frutto maturo di uno dei migliori conoscitori di quell’epoca, sarà valido aiuto agli storici italiani.

Un particolare non senza importanza dell’amministrazione siciliana sotto Federico II ha studiato il Maerker, raccogliendo le notizie che si riferiscono alla Colletta nella Monarchia sicula3. Risulta da questi studi, che questa Colletta, già conosciuta sotto i re della dinastia normanna, fu imposta da Federico II sempre p’ìi spesso ed in quote crescenti sulla gente sottoposta al fisco reale ed anche sui feudatari per sopperire ai bisogni delle guerre4.

Da questo punto facciamo un salto fino all’epoca del grande scisma. Allato alle ricerche del Finke, delle quali tenni parola nel

  1. Friedrich Graf von Schack. Geschichte der Normannen in Sicilien, Stuttgart, I vol. 1888, II vol. 1889.
  2. Jahrbücher der deutschen Geschichte: E. Winkelmann, Kaiser Friedrich II, I vol. Leipzig 1889.
  3. O. Maerker. Die Collecta in der Monarchia sicula Friedrichs II, Heidelberg 1889.
  4. Aggiungo che Busson nelle Waitzgaben menzionate nella corrispondenza dell’anno passato tratta del progetto dei Ghibellini di alzare il Lantgravio della Turingia Federigo pretendente contro Carlo di Angiò (1269).