Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/228

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
208 rassegna bibliografica

che trovata la quasi ignota traduzione italiana dell’Adricomius (n.° del Catalogo del Röhricht 790), l’ha comunicata all’erudito nostro canonico Grassi e ne rese possibile la nuova edizione colla riproduzione della Tavola topografica di Gerusalemme.

In una Bibliografia geografica non possono entrare propriamente le storie sulla Terrasanta, a meno che ivi si contengano notizie particolareggiate di topografia, miglia, distanze ec. Sotto quest’ultimo aspetto l’autore ha ben fatto di comprendervi il nostro annalista Caffaro, la cui edizione compiuta e eruditamente illustrata esce finalmente ora per cura del nostro Belgrano nelle splendide pubblicazioni dell’Istituto storico italiano1. A tale proposito noterò un manoscritto membranaceo, appartenente già alla antica Biblioteca della Città di Parigi, segnato col n.° 315, ma poi disgraziatamente scomparso; secondo una indicazione del sig. Tardieu il racconto terminava coll’anno 1293 e il titolo del codice era: Histoire de Gènes et de Jerusalem. Queste due circostanze, del titolo e del fine del racconto, ci rendono assai probabile che quel codice contenesse gli Annali del Caffaro e de’ suoi Continuatori, forse in traduzione francese, se però il solo titolo non fu tradotto per uso del Catalogo. Della prima Crociata fino alla elezione a re di Goffredo e fino al ritorno a Genova di Guglielmo Embriaco il nostro Archivio di Stato sotto il n.° 78, carte 21-37, contiene un manoscritto cartaceo della fine del sec. XV, del quale il Conte Riant ha fatto trarre copia e mi scriveva che ci trova particolari curiosi e differenti da quelli comunemente noti, di un valore dubbio, ma meritevole di maturo esame.

Faremo ancora cenno di un Periodico che non entrava nel cerchio degli anni stabilito dal Dott. Röhricht, essendo più recente, ma che può servire per appunti futuri. Alludo alla Scuola Cattolica, Rivista italiana mensile di Milano, in cui tino al 1890 stanno già diciannove lettere dell’arciprete Curio Ronchetti scritte dalla Terrasanta col titolo: a Gerusalemme, a Gerusalemme.

Ritornando al Dott. Röhricht, la sua Cartografia è un primo tentativo di questo genere a cui egli esitava a por mano, ma ne fu incoraggiato, e ha fatto bene ad imprenderla. Forse sarebbe a distinguere fra le carti speciali della Terra Santa e quelle geogra-

    Tipogr. dell’Immacolata Concezione. Il mio quinto pellegrinaggio in Palestina, Genova, Tip. Arcivescovile, 1879. - Olmi, Otto giorni sul Carmelo, Modena, ut supra, 1872, ec.

  1. Fonti per la, Storia d’Italia. Annali Genovesi di Caffaro e de’ suoi Continuatori dal 1099 al 1293. Roma, 1890, Vol. I, con 13 Tavole illustrative, grand’8.vo. Saranno quattro volumi.