Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/281

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

documenti 261

dam ............... 1 de Sethoro, magistro Johanne de Crono, Martino quondam Quarte, Zanino dicto Malscudero, Parissino quondam Martini et Dominico quondam Bonandi de Condino testibus et aliis. Ibique dictus Iacobus dictus Rozus viator curie talem mihi notario infrascripto retulit ambaxatam quod ipse die decima predicti mensis de mandato et precepto predicti domini Mathei proclamavit et cridavit in pluribus locis ville Condini et Brioni, quod omnes suprascripte ordinationes et poste teneantur sicut scriptum est in ipsis sub pena in eis contenta, et si qui vellent contradicere, quod compareant coram ipso domino Vicario ad x dies contradicturi quicquid volunt etc.

(S. N.) Ego Faciolus quondam Odorici de Romalo Tridentine diocesis imperiali auctoritate notarius predictis omnibus interfui et de mandato predicti domini vicarii et rogatu predictorum hominum scripsi etc.

Infrascripti iuraverunt et diversis diebus qui non sunt scripti in istrumento soprascripto. (Seguono i nomi di cinquanta sette uomini di Condino e Brione).

Hec sunt divisiones facte in Purola et alibi. Prima divisio est Bersani Laudici in f..... Purola; secunda forensium ibidem etc. (Seguono altre quindici divisioni).

Infrascripte sunt Desene facte in pratibus per suprascriptos xiiii homines iuratos. Prima forensium in Planezo sub prato Bellazene cura uno modico in Marmorono apud Petrura condam Martini Boti at........ laci intra usque........ pratorum Marmaroni. (Seguono altre sei desene).


LXXIII. 1343, dicembre 14.


Creto (presso la chiesa di S. Giustina). - Tre uomini ad istanza dei Sindaci di Roncone, di Lardaro e della Pieve di Bono inferiore, e per ordine di Nicolò notaio del fu ser Ribaldo di Riva, vicario e giudice vescovile in Stenico, determinano i gazi della Pieve e stabiliscono alcune norme relative al monteggiare.
Archivio parrocchiale di Greto. Altra copia del 1504.


LXXIV. 1343, dicembre 14.


Creto (c. s.). - Convenzione fatta tra i procuratori di Roncone e di Lardaro circa all’uso dei monti comuni, fatta per ordine e alla presenza del vicario Nicolò di Riva.
Archivio comunale di Lardaro. Due copie del notaio Giovanni di Bono di sull’originale del notaio Paolo di Bono, fatte per ordine di Albrigino di Lodrone, vicario delle Giudicarie pel marchese Lodovico di Brandenburgo, conte del Tirolo (1343-1362).

  1. Spazio bianco nella carta.