Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/313

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

intorno a lodrisio crivelli 293

tornava alle ingiurie contro il morto, forse sapendo che nulla poteva essere più gradito a un nuovo pontefice che l’udir sparlare del suo predecessore1. Allora sorse il Crivelli e, presa la penna, dettò uno scritto in favore di Pio II. Non mi è stato possibile rintracciar copia di questo scritto2,

  1. Epist., XXIII, 1, Pei rapporti del Filelfo con Pio II cfr. Voigt, Enea Silvio, t. III, p. 629-640.
  2. Per quanto a primo aspetto possa parer strana la mia opinione, non identifico questo scritto coll’Apologeticus ad Franciscum Philelphum che, secondo il De Rosmini, Op. cit., t. Ilf, p. 40, n. 1, dovrebbe essere nella Nazionale di Parigi. Scrissi per aver notizia di tale Apologeticus allo stesso bibliotecario Delisle, il quale però, rispondendomi gentilmente con lettera del 9 febbraio 1889, mi dichiarava non esservi colà né sapermene dir nulla. E la ragione per cui non identifico la difesa di Pio II coll’Apologeticus ad Franciscum Philelphum si è che allora bisognerebbe ammettere che Lodrisio Crivelli scrivesse due opere con titolo poco dissimile: ciò non è impossibile, ma fino a prova contraria mi par più facile e ragionevole vedere nell’Apologeticus l’Apologia di cui si parla nella lettera dell’Ammannati al Crivelli stesso, che sarà or ora riferita, che non la difesa di di Pio II. E che tale Apologia non sia la difesa di Pio II dimostra chiaramente la cronologia, ed è singolare che niuno non se ne sia ancora accorto. Ecco la lettera dell’Ammannati, Epist., f . 2: «Leodrisio Cribello Mediolanensi. Epigramma tuum libens accepi et libens perlegi, gratias tibi plurimas agens, quod et antea episcopalem, nunc cardinalarem dignitatem musis tuis prosequeris. Sunt haec amantis animi signa, sunt et congratulantis cordis indicia. Dilexi S3mper te merito et diligam quamdiu in me sensus hominis erit. Epigramma vero ipsum omni suavitate est plenum habet splendorem in verbis, vim in sententiis, in ipso vero orationis contextu eam facultatem omnium rerum, ut saepe pontifici dixerim nullam elegiam temporis nostri aeque mihi placere ac tuam. Servabo igitur hos novissimos versus et caeteros, quos conquirere undique potui, in laudem ingenii tui et in conciliatores perpetuos benivolentiae nostrae. Laetaris, mi Lodrisi, hoc meo Cardinalatvs honore. Vera est laetitia tua nec sine causa suscepta. Tua est mea accessio, nec minus amicis quam mihi geretur hic pileus .... Apologia tua, cuius ad nos partem misisti, monstrata pontifici est, et ab his qui viderunt laudata. Mihi certe satisfacit abunde, et tibi gratias ago quod non passus sis de possessione tua Poeticam pelli. Respondetur prudenter, convincuntur vere argumenta adversarii et Musarum, veneranda proferuntur mysteria. Perge suffragio meo et ad calcem usque perducito Ea primis me futurum polliceor quod codicem domi habere et usque velim perlegere. Praesul Anconitanus, quantum intelligo, omnia comprobat. Id illi modo est durum, quod, in dialogo introductus, homini amicissimo Coepiscopo Veronensi cogitur asperius respondere, sine