Pagina:Ardigo - Scritti vari.djvu/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
116 Scritti vari

desimo principio; la verità di una percezione nel senso anti-idealistico è stabilita non da sè stessa, come dice il signor Rota (il quale così, senza saperlo, difensore malaccorto del realismo, apre le porte all’idealismo) ma dalle percezioni che, volendo, si possono ripetere e variare. Un cieco dalla nascita per cateratta, che veda in seguito alla operazione, ha una sensazione ed è certo di averla. Ma non sa tuttavia che rappresenti le cose al loro posto, per non avere ancora fatto l’esercizio e i confronti ora detti. L’ho accennato in una nota alla pagina 375 e seg. del mio libro, dove chiamo la percezione un esperimento, a differenza della semplice apprensione che chiamo una osservazione, e come metterò in piena evidenza in un libro che spero col tempo di pubblicare col titolo di dinamica mentale.

Quando poi soggiungo che la corrispondenza tra la cognizione e ciò che non è tale è indimostrabile, e che a mettere a fondamento della certezza un rapporto indimostrabile la si distrugge anzichè stabilirla e si diventa scettici, come fa Monsignor Rota, scettico senza saperlo, che faccio io se non ripetere quanto insegnano i migliori filosofi, anche quelli canonizzati, come S. Agostino e S. Tommaso? Anche quel Balmes che fu citato con tanto rispetto nel Vessillo del passato giovedì?

Dico che ripeto semplicemente quanto insegnano i migliori filosofi, perchè in ciò nè io, nè gli altri positivisti, non abbiamo innovato niente. Sicchè Monsignor Rota, che colle sue burle e coi suoi vituperj crede di canzonare me, canzona invece e vitupera i santi a cui fa orazione ed un autore che ha lodato e raccomandato, e quindi in fine dei conti, canzona e vitupera e chiama matto se stesso.

Ma i libri del Balmes li ha letti il signor Rota? Se li ha letti vi avrà trovato la dottrina che combatte. E allora perchè pigliarsela coi positivisti, in ciò semplici scolari, anzichè con lui, e perchè raccomandarne la lettura? O non li ha letti? In questo caso la raccomandazione che egli fa agli altri di leggerli io la faccio a lui.