Pagina:Ardigo - Scritti vari.djvu/287

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Versi 281

    Non basta. Anche i Romani
Hanno voluto fare compagnia
A quei vecchi, poveri cani,
24Che avranno detto: E così sia!
    È stato meglio. La mescolanza
Ha prodotto un grande effetto:
Come si vede in una pietanza,
28Che ha il gusto di quello che ci si mette.
    Supponiamo, che la farina
Siano gli Etruschi, e che il suo pepe
Ci dessero i Galli, e il sale fino
32Quegli altri là che sono venuti dal Tevere.
    Ma la storia è essa finita?
No. Virgilio si ferma lì.
Ma dopo lui viene la scorreria
36Dei Tedeschi da queste parti qui.
    Ah, va bene! Nel pasticcio
Ci voleva il suo formaggio.
Sono stati i Grebeni 1 che ce l’hanno messo,
40Sacranon! Taratatai! 2
    Cari voi, perdonatemi
Traballiamo 3 come i balordi.
Dopo desinare andiamo, andiamo,
44Questo mio almanacchio 4 senza sugo.
    Ma è vero. Quella miscela
C’è stata. Sí; per questa strada
Si potrebbe dare, che il chiacchiericcio
48Non sia mica fuori di proposito.

  1. Parola per indicare gente rozza venuta di fuori. E quindi anche i barbari invasori.
  2. Esclamazione, come ad imitare uno che parla un linguaggio straniero.
  3. Nel dialetto mantovano l’espressione corrispondente si usa solo al plurale.
  4. O meglio: diciamo, o facciamo strampalerie.