Pagina:Ardigo - Scritti vari.djvu/286

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
280 Scritti vari

Traduzione letterale con qualche schiarimento.

    Anche senza essere poeta
Dopo desinare si fanno dei versi;
E si può dire una paroletta
4Tanto pel dritto che per traverso.
    Figurarsi! Mi viene in mente
(Io non so mica come la sia)
Una storiella del cinquecento 1
8Scritta tutta in poesia.
    Ma come è che la zucca
Dei Mantovani non è bucata 2
Niente affatto? E che la gnucca
12Di quegli Inglesi 3 è così curiosa?
    Che fosse vera la storiella?
E che il caso del giudizio
Sia l’effetto della parentela
16Dei Mantovani con quei tali Tizi?
    Ho paura. Dicono, che prima
I Mantovani sono venuti dall’ Etruria,
E che dopo piombarono loro in cima 4
20I Francesi colla loro furia.

  1. Tempo rimoto in genere.
  2. Vuota di senno.
  3. Ironicamente si dice dai Mantovani dei conterranei vicini e precisamente per indicare che non sono stranieri, e sono invece roba affatto comune e ordinaria. Chi è colui? — Domanda per esempio uno. E l’altro risponde — È un inglese di Pietole — (Luogo che dista poco da Mantova).
  4. Addosso.