Pagina:Ardigo - Scritti vari.djvu/302

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
296 Scritti vari



V.


    Sul fianco della nave,
A cui mi appoggio, sì fantasticando,
Batton sonanti l’onde,
4E diconmi all’orecchio, gorgogliando;
    «È corto il braccio tuo,
Lontano è il cielo, e bene gli astri infissi
Gli son con aurei chiodi;
8E in vano ad essi aneli,
Meglio posassi e placido dormissi.»


VI.


    E m’addormiva; e un vasto piano incolto
Sognava; e intorno freddo e oscuro verno,
Ed alta neve; e in essa me sepolto,
4In grembo della morte al sonno eterno.
    E giù guardavan dall’azzurra sfera
Sulla mia tomba gli occhi delle stelle,
In quella luce dolce e lusinghiera,
8Amor spirante, eternamente belle.