Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/219

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

decimo 213


76
     e finita la mostra che faceano,
alla marina se distenderanno,
dove aspettati per solcar l’Oceano
son dai navili che nel porto stanno.
I Franceschi assediati si ricreano,
sperando in questi che a salvar li vanno.
— Ma acciò tu te n’ informi pienamente,
io ti distinguerò tutta la gente.

77
     Tu vedi ben quella bandiera grande,
ch’insieme pon la fiordaligi e i pardi:
quella il gran capitano all’aria spande,
e quella han da seguir gli altri stendardi.
II suo nome, famoso in queste bande,
è Leonetto, il fior de li gagliardi,
di consiglio e d’ardire in guerra mastro,
del re nipote, e duca di Lincastro.

78
     La prima, appresso il gonfalon reale,
che ’l vento tremolar fa verso il monte,
e tien nel campo verde tre bianche ale,
porta Ricardo, di Varvecia conte.
Del duca di Glocestra è quel segnale,
c’ha duo corna di cervio e mezza fronte.
Del duca di Chiarenza è quella face;
quel arbore è del duca d’ Eborace.

79
     Vedi in tre pezzi una spezzata lancia:
gli è ’l gonfalon del duca di Nortfozia.
La fulgure è del buon conte di Cancia;
il grifone è del conte di Pembrozia.
Il duca di Sufolcia ha la bilancia.
Vedi quel giogo che due serpi assozia:
è del conte d’ Esenia; e la ghirlanda
in campo azzurro ha quel di Norbelanda.