Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/224

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
218 canto


96
     Creduto avria che fosse statua finta
o d’alabastro o d’altri marmi illustri
Ruggiero, e su lo scoglio cosí avinta
per artificio di scultori industri;
se non vedea la lacrima distinta
tra fresche rose e candidi ligustri
far rugiadose le crudette pome,
e l’aura sventolar l’aurate chiome.

97
     E come ne’ begli occhi gli occhi affisse,
de la sua Bradamante gli sovenne.
Pietade e amore a un tempo lo traffisse,
e di piangere a pena si ritenne;
e dolcemente alla donzella disse,
poi che del suo destrier frenò le penne:
— O donna, degna sol de la catena
con chi i suoi servi Amor legati mena,

98
     e ben di questo e d’ogni male indegna,
chi è quel crudel che con voler perverso
d’importuno livor stringendo segna
di queste belle man l’avorio terso? —
Forza è ch’a quel parlare ella divegna
quale è di grana un bianco avorio asperso,
di sé vedendo quelle parte ignude,
ch’ancor che belle sian, vergogna chiude.

99
     E coperto con man s’avrebbe il volto,
se non eran legate al duro sasso;
ma del pianto, ch’almen non l’era tolto,
lo sparse, e si sforzò di tener basso.
E dopo alcun’ signozzi il parlar sciolto,
incominciò con fioco suono e lasso:
ma non seguí; che dentro il fe’ restare
il gran rumor che si sentí nel mare.