Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/268

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
262 canto


72
     Or cominciando i trepidi ruscelli
a sciorre il freddo giaccio in tiepide onde,
e i prati di nuove erbe, e gli arbuscelli
a rivestirsi di tenera fronde;
ragunò il re Agramante tutti quelli
che seguian le fortune sue seconde,
per farsi rassegnar l’armata torma;
indi alle cose sue dar miglior forma.

73
     A questo effetto il re di Tremisenne
con quel de la Norizia ne venía,
per lá giungere a tempo, ove si tenne
poi conto d’ogni squadra o buona o ria.
Orlando a caso ad incontrar si venne
(come io v’ho detto) in questa compagnia,
cercando pur colei, come egli era uso,
che nel carcer d’Amor lo tenea chiuso.

74
     Come Alzirdo appressar vide quel conte
che di valor non avea pari al mondo,
in tal sembiante, in sí superba fronte,
che ’l dio de l’arme a lui parea secondo;
restò stupito alle fattezze conte,
al fiero sguardo, al viso furibondo:
e lo stimò guerrier d’alta prodezza;
ma ebbe del provar troppa vaghezza.

75
     Era giovane Alzirdo, et arrogante
per molta forza, e per gran cor pregiato.
Per giostrar spinse il suo cavallo inante:
meglio per lui, se fosse in schiera stato;
che ne lo scontro il principe d’Anglante
lo fe’ cader per mezzo il cor passato.
Giva in fuga il destrier di timor pieno;
che su non v’era chi reggesse il freno.