Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/278

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
272 canto


16
     Non giova calar vele, e l’arbor sopra
corsia legar, né minar castella;
che ci veggián mal grado portar sopra
acuti scogli, appresso alla Rocella.
Se non ci aiuta quel che sta di sopra,
ci spinge in terra la crudel procella.
Il vento rio ne caccia in maggior fretta,
che d’arco mai non si aventò saetta.

17
     Vide il periglio il Biscaglino, e a quello
usò un rimedio che fallir suol spesso:
ebbe ricorso subito al battello;
calossi, e me calar fece con esso.
Sceser dui altri, e ne scendea un drapello,
se i primi scesi l’avesser concesso;
ma con le spade li tenner discosto,
tagliar la fune, e ci allargamo tosto.

18
     Fummo gittati a salvamento al lito
noi che nel palischermo eramo scesi;
periron gli altri col legno sdrucito;
in preda al mare andar tutti gli arnesi.
All’eterna Bontade, all’infinito
Amor, rendendo grazie, le man stesi,
che non m’avessi dal furor marino
lasciato tor di riveder Zerbino.

19
     Come ch’io avessi sopra il legno e vesti
lasciato e gioie e l’altre cose care,
pur che la speme di Zerbin mi resti,
contenta son che s’abbi il resto il mare.
Non sono, ove scenderne, i liti pesti
d’alcun sentier, né intorno albergo appare;
ma solo il monte, al qual mai sempre fiede
l’ombroso capo il vento, e ’l mare il piede.