Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/361

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

sestodecimo 355


20
     Non so, Signor, se piú vi ricordiate
di questo Saracin tanto sicuro,
che morte le sue genti avea lasciate
tra il secondo riparo e ’l primo muro,
da la rapace fiamma devorate,
che non fu mai spettacolo piú oscuro.
Dissi ch’entrò d’un salto ne la terra
sopra la fossa che la cinge e serra.

21
     Quando fu noto il Saracino atroce
all’arme istrane, alla scagliosa pelle,
lá dove i vecchi e ’l popul men feroce
tendean l’orecchie a tutte le novelle,
levossi un pianto, un grido, un’alta voce,
con un batter di man ch’andò alle stelle;
e chi potè fuggir non vi rimase,
per serrarsi ne’ templi e ne le case.

22
     Ma questo a pochi il brando rio conciede,
ch’intorno ruota il Saracin robusto.
Qui fa restar con mezza gamba un piede,
lá fa un capo sbalzar lungi dal busto;
l’un tagliare a traverso se gli vede,
dal capo all’anche un altro fender giusto:
e di tanti ch’uccide, fere e caccia,
non se gli vede alcun segnare in faccia.

23
     Quel che la tigre de l’armento imbelle
ne’ campi ircani o lá vicino al Gange,
o ’l lupo de le capre e de l’agnelle
nel monte che Tifeo sotto si frange;
quivi il crudel pagan facea di quelle
non dirò squadre, non dirò falange,
ma vulgo e populazzo voglio dire,
degno, prima che nasca, di morire.