Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/150

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
144 canto


128
     Tornando a lui la vincitrice in sella,
disse ridendo: — Questa t’appresento;
e quanto piú la veggio e grata e bella,
tanto, ch’ella sia tua, piú mi contento.
Or tu in mio loco sei campion di quella;
ma la tua fé non se ne porti il vento,
che per sua guida e scorta tu non vada
(come hai promesso) ovunque andar l’aggrada. —

129
     Senza aspettar risposta urta il destriero
per la foresta, e subito s’imbosca.
Zerbin, che la stimava un cavalliero,
dice alla vecchia: — Fa ch’io lo conosca.
Et ella non gli tiene ascoso il vero,
onde sa che lo ’ncende e che l’attosca:
— Il colpo fu di man d’una donzella,
che t’ha fatto votar (disse) la sella.

130
     Pel suo valor costei debitamente
usurpa a’ cavallieri e scudo e lancia;
e venuta è pur dianzi d’Oriente
per assaggiare i paladin di Francia. —
Zerbin di questo tal vergogna sente,
che non pur tinge di rossor la guancia,
ma restò poco di non farsi rosso
seco ogni pezzo d’arme ch’avea indosso.

131
     Monta a cavallo, e se stesso rampogna
che non seppe tener strette le cosce.
Tra sé la vecchia ne sorride, e agogna
di stimularlo e di piú dargli angosce.
Gli ricorda ch’andar seco bisogna:
e Zerbin, ch’ubligato si conosce,
l’orecchie abbassa, come vinto e stanco
destrier c’ha in bocca il fren, gli sproni al fianco.