Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/217

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ventesimoterzo 211


72
     Non sapea il Saracin però, che questo,
ch’egli seguia, fosse il signor d’Anglante:
ben n’avea indizio e segno manifesto
ch’esser dovea gran cavalliero errante.
A lui mirò piú ch’a Zerbino, e presto
gli andò con gli occhi dal capo alle piante;
e i dati contrasegni ritrovando,
disse:— Tu se’colui ch’io vo cercando.

73
     Sono omai dieci giorni (gli soggiunse)
che di cercar non lascio i tuo’ vestigi:
tanto la fama stimolommi e punse,
che di te venne al campo di Parigi,
quando a fatica un vivo sol vi giunse
di mille che mandasti ai regni stigi;
e la strage contò, che da te venne
sopra i Norizii e quei di Tremisenne.

74
     Non fui, come lo seppi, a seguir lento,
e per vederti e per provarti appresso:
e perché m’informai del guernimento
c’hai sopra l’arme, io so che tu sei desso:
e se non l’avessi anco, e che fra cento
per celarti da me ti fossi messo,
il tuo fiero sembiante mi faria
chiaramente veder che tu quel sia. —

75
     — Non si può (gli rispose Orlando) dire
che cavallier non sii d’alto valore;
però che sí magnanimo desire
non mi credo albergasse in umil core.
Se ’l volermi veder ti fa venire,
vo’ che mi veggi dentro, come fuore:
mi leverò questo elmo da le tempie,
acciò ch’a punto il tuo desire adempie.