Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/221

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ventesimoterzo 215


88
     Con quel rumor ch’un sacco d’arme cade,
risuona il conte, come il campo tocca.
Il destrier c’ha la testa in libertade,
quello a chi tolto il freno era di bocca,
non piú mirando i boschi che le strade,
con ruinoso corso si trabocca,
spinto di qua e di lá dai timor cieco;
e Mandricardo se ne porta seco.

89
     Doralice che vede la sua guida
uscir del campo e torlesi d’appresso,
e mal restarne senza si confida,
dietro, correndo, il suo ronzin gli ha messo.
IL pagan per orgoglio al destrier grida,
e con mani e con piedi il batte spesso;
e, come non sia bestia, lo minaccia
perché si fermi, e tuttavia piú il caccia.

90
     La bestia, ch’era spaventosa e poltra,
sanza guardarsi ai piè, corre a traverso.
Cxiá corso avea tre miglia, e seguiva oltra,
s’un fosso a quel desir non era avverso;
che, sanza aver nel fondo o letto o coltra,
ricevè l’uno e l’altro in sé riverso.
Diè Mandricardo in terra aspra percossa;
né però si fiaccò né si roppe ossa.

91
     Quivi si ferma il corridore al fine;
ma non si può guidar, che non ha freno.
Il Tartaro lo tien preso nel crine,
e tutto è di furore e d’ira pieno.
Pensa, e non sa quel che di far destine.
— Pongli la briglia del mio palafreno
(la donna gli dicea); che non è molto
il mio feroce, o sia col freno o sciolto. —