Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/238

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
232 canto


16
     Zerbin questo prigion conobbe tosto
che gli fu appresso, e cosí fe’ Issabella:
era Odorico il Biscaglin, che posto
fu come lupo a guardia de l’agnella.
L’avea a tutti gli amici suoi preposto
Zerbino in confidargli la donzella,
sperando che la fede che nel resto
sempre avea avuta, avesse ancora in questo.

17
     Come era a punto quella cosa stata,
venia Issabella raccontando allotta:
come nel palischermo fu salvata,
prima ch’avesse il mar la nave rotta;
la forza che l’avea Odorico usata;
e come tratta poi fosse alla grotta.
Né giunt’era anco al fin di quel sermone,
che trarre il malfattor vider prigione.

18
     I duo ch’in mezzo avean preso Odorico,
d’Issabella notizia ebbeno vera;
e s’avisaro esser di lei l’amico,
e ’l signor lor, colui ch’appresso l’era;
ma piú, che ne lo scudo il segno antico
vider dipinto di sua stirpe altiera:
e trovar poi, che guardar meglio al viso,
che s’era al vero apposto il loro aviso.

19
     Saltaro a piedi, e con aperte braccia
correndo se n’andâr verso Zerbino,
e l’abbracciaro ove il maggior s’abbraccia,
col capo nudo e col ginocchio chino.
Zerbin, guardando l’uno e l’altro in faccia,
vide esser l’un Corebo il Biscaglino,
Almonio l’altro, ch’egli avea mandati
con Odorico in sul navilio armati.