Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/259

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

canto ventesimoquarto 253


100
     De’ duo pagani, senza pari in terra,
gli audacissimi cor, le forze estreme
parturiscono colpi, et una guerra
conveniente a sí feroce seme.
Del grande e orribil suon triema la terra,
quando le spade son percosse insieme:
gettano l’arme insin al ciel scintille,
anzi lampadi accese a mille a mille.

101
     Senza mai riposarsi o pigliar fiato
dura fra quei duo re l’aspra battaglia,
tentando ora da questo, or da quel lato
aprir le piastre e penetrar la maglia.
Né perde l’un, né l’altro acquista il prato,
ma come intorno sian fosse o muraglia,
o troppo costi ogn’oncia di quel loco,
non si parton d’un cerchio angusto e poco.

102
     Fra mille colpi il Tartaro una volta
colse a duo mani in fronte il re d’Algiere;
che gli fece veder girare in volta
quante mai furon fiacole e lumiere.
Come ogni forza all’African sia tolta,
le groppe del destrier col capo fere:
perde la staffa, et è, presente quella
che cotant’ama, per uscir di sella.

103
     Ma come ben composto e valido arco
di fino acciaio in buona somma greve,
quanto si china piú, quanto è piú carco,
e piú lo sforzan martinelli e lieve;
con tanto piú furor, quanto è poi scarco,
ritorna, e fa piú mal che non riceve:
cosí quello African tosto risorge,
e doppio il colpo all’inimico porge.