Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/270

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
264 canto


29
     E quando ritrovò la mia sirocchia
tutta coperta d’arme, eccetto il viso,
ch’avea la spada in luogo di conocchia,
le fu vedere un cavalliero aviso.
La faccia e le viril fattezze adocchia
tanto, che se ne sente il cor conquiso;
la invita a caccia, e tra l’ombrose fronde
lunge dagli altri al fin seco s’asconde.

29
     Poi che l’ha seco in solitario loco
dove non teme d’esser sopraggiunta,
con atti e con parole a poco a poco
le scopre il fisso cuor di grave punta.
Con gli occhi ardenti e coi sospir di fuoco
le mostra l’alma di disio consunta.
Or si scolora in viso, or si raccende;
tanto s’arrischia, ch’un bacio ne prende.

30
     La mia sorella avea ben conosciuto
che questa donna in cambio l’avea tolta:
né dar poteale a quel bisogno aiuto,
e si trovava in grande impaccio avvolta.
— Gli è meglio (dicea seco) s’io rifiuto
questa avuta di me credenza stolta
e s’io mi mostro femina gentile,
che lasciar riputarmi un uomo vile. —

31
     E dicea il ver; ch’era viltade espressa,
conveniente a un uom fatto di stucco,
con cui sí bella donna fosse messa,
piena di dolce e di nettareo succo,
e tuttavia stesse a parlar con essa,
tenendo basse l’ale come il cucco.
Con modo accorto ella il parlar ridusse,
che venne a dir come donzella fusse;