Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

decimosettimo 25


96
     Quivi erano d’Apamia duo germani,
soliti in giostra rimaner di sopra,
Tirse e Corimbo; et ambo per le mani
del figlio d’Uliver cadèr sozzopra.
L’uno gli arcion lascia allo scontro vani;
con l’altro messa fu la spada in opra.
Giá per commun giudicio si tien certo
che di costui fia de la giostra il merto.

97
     Ne la lizza era entrato Salinterno,
gran dïodarro e maliscalco regio,
e che di tutto ’l regno avea il governo,
e di sua mano era guerriero egregio.
Costui, sdegnoso ch’un guerriero esterno
debba portar di quella giostra il pregio,
piglia una lancia, e verso Grifon grida,
e molto minacciandolo lo sfida.

98
     Ma quel con un lancion gli fa risposta,
ch’avea per lo miglior fra dieci eletto,
e per non far error, lo scudo apposta,
e via lo passa e la corazza e ’l petto:
passa il ferro crudel tra costa e costa,
e fuor pel tergo un palmo esce di netto.
Il colpo, eccetto al re, fu a tutti caro;
ch’ognuno odiava Salinterno avaro.

99
     Grifone, appresso a questi, in terra getta
duo di Damasco, Erinofilo e Carmondo.
La milizia del re dal primo è retta;
del mar grande almiraglio è quel secondo.
Lascia allo scontro l’un la sella in fretta:
adosso all’altro si riversa il pondo
del rio destrier, che sostener non puote
l’alto valor con che Grifon percuote.