Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/463

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

trentesimosecondo 457


28
     Venne a incontrare un cavailier guascone
che dal campo african venia diritto,
ove era stato da quel dí prigione,
che fu inanzi a Parigi il gran conflitto.
Da lei fu molto posto per ragione,
fin che si venne al termine prescritto.
Domandò di Ruggiero, e in lui fermosse;
né fuor di questo segno piú si mosse.

29
     Il cavallier buon conto ne rendette,
che ben conoscea tutta quella corte:
e narrò di Ruggier, che contrastette
da solo a solo a Mandricardo forte;
e come egli l’uccise, e poi ne stette
ferito piú d’un mese presso a morte:
e s’era la sua istoria qui conclusa,
fatto avria di Ruggier la vera escusa.

30
     Ma come poi soggiunse, una donzella
esser nel campo, nomata Marfisa,
che men non era che gagliarda, bella,
né meno esperta d’arme in ogni guisa;
che lei Ruggiero amava e Ruggiero ella,
ch’egli da lei, ch’ella da lui divisa
si vedea raro, e ch’ivi ognuno crede
che s’abbiano tra lor data la fede;

31
     e che come Ruggier si faccia sano,
il matrimonio publicar si deve;
e ch’ogni re, ogni principe pagano
gran piacere e letizia ne riceve,
che de l’uno e de l’altro sopraumano
conoscendo il valor, sperano in breve
far una razza d’uomini da guerra
la piú gagliarda che mai fosse in terra;