Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/76

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
70 canto


140
     Quivi odono il medesimo ch’udito
di Lucina e de l’Orco hanno in Soria,
e come di tornare ella a marito
facea nuovo apparecchio in Nicosia.
Quindi il padrone (essendosi espedito,
e spirando buon vento alla sua via)
l’ancore sarpa, e fa girar la proda
verso ponente, et ogni vela snoda.

141
     Al vento di maestro alzò la nave
le vele all’orza, et allargossi in alto.
Un ponente-libecchio, che soave
parve a principio e fin che ’l sol stette alto,
e poi si fe’ verso la sera grave,
le leva incontra il mar con fiero assalto,
con tanti tuoni e tanto ardor di lampi,
che par che ’l ciel si spezzi e tutto avampi.

142
     Stendon le nubi un tenebroso velo
che né sole apparir lascia né stella.
Di sotto il mar, di sopra mugge il cielo,
il vento d’ogn’intorno, e la procella
che di pioggia oscurissima e di gelo
i naviganti miseri flagella:
e la notte piú sempre si diffonde
sopra l’irate e formidabil onde.

143
     I naviganti a dimostrare effetto
vanno de l’arte in che lodati sono:
chi discorre fischiando col fraschetto,
e quanto han gli altri a far, mostra col suono;
chi l’ancore apparechia da rispetto,
e chi al mainare e chi alla scotta è buono;
chi ’l timone, chi l’arbore assicura,
chi la coperta di sgombrare ha cura.