Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/9

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

decimosettimo 3


8
     Dunque un uom solo in vostra terra preso,
cinto di mura onde non può fuggire,
si partirá che non l’avrete offeso,
quando tutti v’avrá fatto morire? —
Cosí Carlo dicea, che dïra acceso
tanta vergogna non potea patire.
E giunse dove inanti alla gran corte
vide il pagan por la sua gente a morte.

9
     Quivi gran parte era del populazzo,
sperandovi trovare aiuto, ascesa;
perché forte di mura era il palazzo,
con munizion da far lunga difesa.
Rodomonte, d’orgoglio e d'ira pazzo,
solo s’avea tutta la piazza presa:
e l’una man, che prezza il mondo poco,
ruota la spada, e l’altra getta il fuoco.

10
     E de la regal casa, alta e sublime,
percuote e risuonar fa le gran porte.
Gettan le turbe da le eccelse cime
e merli e torri, e si metton per morte.
Guastare i tetti non è alcun che stime;
e legne e pietre vanno ad una sorte,
lastre e colonne, e le dorate travi
che furo in prezzo agli lor padri e agli avi.

11
     Sta su la porta il re d’Algier, lucente
di chiaro acciar che ’l capo gli arma e ’l busto,
come uscito di tenebre serpente,
poi c’ha lasciato ogni squalor vetusto,
del nuovo scoglio altiero, e che si sente
ringiovenito e piú che mai robusto:
tre lingue vibra, et ha negli occhi foco;
dovunque passa, ogn’animal dá loco.