Pagina:Ariosto-Op.minori.1-(1857).djvu/13

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
iv ai lettori della biblioteca nazionale.

l’Ariosto, esistente nella nostra pubblica Biblioteca di Ferrara.
                    Ferrara, dalla pubblica Biblioteca,
                                        19 decembre 1826.

Bibliotecario aggiunto.


Andava, poi, e va unito ad esso libro un quadernetto di pagine 24, di cui manoscritte sole 18, rimanendo le altre in bianco; ove si richiamano quelle della stampa anzidetta, le quali sommano in tutto a 102; e nella prima pagina o frontespizio di esso fascicolo, sono da egual penna segnate queste parole:

Varie lezioni che s’incontrano nella Scolastica di Lodovico Ariosto dietro l’esemplare corredato di postille dal Ch.° Giovanni Andrea Barotti, esistente nella nostra Biblioteca di Ferrara, segnato fra’ Codici della prima classe Num.° I, sulla Commedia ch’esso possedeva di pugno di Gabriello, fratello del nostro poeta, registrate da Don Giuseppe Antonelli Bibliotecario aggiunto, questo dì 19 decembre 1826.


Ora quel libretto e il relativo quadernuccio, torneranno, secondo i patti, in podestà del primo possessore e cessionario dell’uso già fattone, il prefato signor A. Torri.1

Coll’ordine da noi seguito, in ispecie nel primo volume, intendemmo a classare le materie in esso contenute, conciliando, quant’era possibile, il tempo a cui quelle si

  1. Mentre questo foglio è già in torchio, ci è fatto sapere che l’egregio Torri sia disposto ad imitare l’esempio datoci dal benemerito Molini riguardo alle Varianti delle Satire desunte dall’autografo, depositando anche quelle della Scolastica nella Biblioteca Magliabechiana.