Pagina:Ariosto-Op.minori.1-(1857).djvu/328

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

sonetti. 299

Sonetto XIV.


     Occhi miei belli, mentre ch’io vi miro,
Per dolcezza ineffabil ch’io ne sento,
Vola come falcon c’ha seco il vento,
4La memoria da me d’ogni martiro:
     E tosto che da voi le luci giro,
Amaricato1 resto in tal tormento,
Che s’ebbi mai piacer, non lo rammento:
8Ne va il ricordo col primier sospiro.
     Non sarei di vedervi già sì vago,
S’io sentissi giovar, come la vista,
11L’aver di voi nel côr sempre l’immago.
     Invidia è ben, se ’l guardar mio v’attrista;
E tanto più che quell’ond’io m’appago,
14Nulla a voi perde, ed a me tanto acquista.


Sonetto XV.


     Quel caprïol che, con invidia e sdegno
Di mille amanti, a colei tanto piacque,
Che con somma beltà per aver nacque
4Di tutti i gentil côri al mondo regno;
     Turbar la fronte, e trar (pietoso segno)
Dal petto li sospir, dagli occhi l’acque
Alla mia donna, poi che morto giacque,
8E d’onesto sepolcro, è stato degno.
     Che sperar ben amando or non si deve,
Poi che animal senza ragion si vede
11Tal premio aver di servitù sì lieve?
     Nè lungi è omai (se dee venir) mercede:
Chè quando s’incomincia a sciôr la neve,
14Ch’appresso il fin sia il verno è chiara fede.


  1. L’esempio mostra che questa voce non morì col trecento pei poeti.