Pagina:Ariosto-Op.minori.2-(1857).djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto terzo. — sc. vii. 161

Nebbia.                                                        Pajati
Dessa, perchè l’è dessa certo.

Trappola.                                                      (Andòssene
Senza far motto il gaglioffone.)

Nebbia.                                                    Debbela
Aver colui comperata.

Corbo.                                       O prestatagli
L’ha il ruffian forse.

Nebbia.                                     Se comincia a mettere
La botte a mano, senza molto spendere
Nostro patrone avrà da bere, e trarsene
Potrà la sete.

Rosso.                        Molto meglio trarlami
Potría il vin d’oggi.

Corbo.                                   Ed a me ancor.

Trappola.                                                             (Si è subito
Fatto notte, e che io meni questa giovane
Solo, non è molto sicur.)

Bruno.                                                Fermiamoci;
Vediamo ove la meni.

Corbo.                                      Nascondetevi
Dietro a quel canto voi; noi ritraemoci
Sotto questo uscio, e come si discostano
Da quella porta, pian pian seguitiamoli,
Per saper ragguagliar del tutto Erofilo.

Trappola.(Poi ch’io mi trovo sol, mi pento d’essere
Entrato in ballo.)

Riccio.                                   O sventurato Erofilo!
O come noi gli darem mal annunzio!

Corbo.Vogliam fare un bel tratto?

Nebbia.                                                Che?

Corbo.                                                         Levarglila?

Trappola.(Pur bisogna ir innanzi, e far buon animo.)

Bruno.Cancaro a chi si pente.

Corbo.                                       A me, pentendomi,
Venga.

Riccio.            Venga a me ancora.

Corbo.Verrà al Nebbia,
Che non risponde.

Nebbia.                                      Quando gli altri vogliano
Farlo, lo farò anch’io.

Corbo.                                     Miglior principio


14°