Pagina:Ariosto-Op.minori.2-(1857).djvu/289

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto quinto. — sc. vi. 279

Lizio.                                          Non un minimo
Sospetto n’ha d’aver, ma sì un grandissimo.

Cleandro.Taci tu un poco. Il fanciullo, o Filogono,
Tenéa del nome del padre memoria,
O della madre, o della sua progenie?

Filogono.Si ricordava della madre, ed hallami
Già nominata; ma non l’ho in memoria.

Lizio.Ce l’ho ben io.

Cleandro.                         Dillo tu dunque, Lizio.

Lizio.Non dirò già.

Filogono.                      Dillo, se ’l sai.

Lizio.                                                Saputone
Ha pur troppo da voi: prima che dirglielo,
Mi lascerei scannar. Dovreste accorgervi
Pur ch’egli va a tenton: se lo sa, dicalo
Prima di noi.

Cleandro.                      Cotesto mi fia facile.
La mia moglie e sua madre era Sofronia
Nominata.

Lizio.                 Per dio, gran fatto, essendovi
Insieme già accordati, che egli dettovi
Abbia che nominata era Sofronia!

Cleandro.Non mi bisogna più evidenti indicii;
Chè questo è il mio figliuol senza alcun dubbio,
Che mi fu tolto, già venti anni passano,
E mille volte ho pianto. Dee nell’umero
Sinistro aver un segno rosso, simile
Ad una mora.

Lizio.                        Il segno v’ha: v’avess’egli1
Così ...

Cleandro.            Buone parole.2 Ah Lizio, andiamolo
A ritrovare. O fortuna, ben libera-
mente t’assolvo d’ogni antica ingiuria,
Poichè mi fai ritrovare il carissimo
Mio figliuolo.

Filogono.                      Io gli ho tanto men obbligo.
Chè ’l mio ho perduto: e voi, che favorevole
Speravo avere, or veggo che contrario




  1. Così in tutte le stampe; ed è da leggersi come se fosse unito in una sola parola, avéssegli. Caso, o trasformazione simile a quella del ver. 3, sc. 8 dell’atto IV; ed altre.
  2. Vedi la nota a pag. 107.