Pagina:Ariosto-Op.minori.2-(1857).djvu/361

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL NEGROMANTE.




PERSONAGGI.


 
MARGARITA, fantesca.                            ASTROLOGO.
BALIA.                                                            CAMILLO.
LIPPO, amico di                                           MADONNA, moglie di Abbondio.
FAZIO.                                                            FANTESCA.
CINTIO, figlio adottivo di Massimo.       MASSIMO.
TEMOLO, servo di Cintio.                          FACCHINO.
NIBBIO, servo dell’Astrologo.                  ABBONDIO.


La scena è in Cremona.




PROLOGO

COMPOSTO PER LA RAPPRESENTAZIONE FATTA IN ROMA.1


Più non vi paja udir cosa impossibile
Se detto vi sarà che i sassi e gli alberi,
Di contrada in contrada, Orféo seguivano;
Nè vi paja gran fatto se già Apolline
Ed Anfïon montar le pietre fecero
Addosso l’una a l’altra, come montano
Li galli le galline, e se ne cinsero
Tebe di mura e la città di Priamo:
Poi che vedeste in cameval preterito,
Che Ferrara, con le sue case e regii
Tetti, e lochi privati e sacri e pubblici,


  1. Vedasi tra le Lettere del nostro autore, quella diretta a papa Leone X, in data dei 16 gennajo 1520. Dalla medesima si raccoglie, che già dieci anni prima messer Lodovico aveva concepito il disegno di questa Commedia, e condóttone forsanche la maggior parte. Questo Prologo, non senza danno della biografia ariostesca, ed altri che già facemmo osservare, era stato omesso da tutti i moderni editori. Il Barotti avvertì di averlo tratto dall’edizione che il Bindoni e Pasini avean fatta del Negromante, in Venezia, nel 1535.