Pagina:Artusi - La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene, Landi, 1895.djvu/373

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

353
Sale una presa.
Odore di scorza di limone.

Cuocete il semolino nel latte e quando comincia a stringere versateci i pinoli pestati nel mortaio insieme collo zucchero; poi il burro e il resto meno le uova che le serberete per ultimo quando il composto sarà diaccio. Pel resto regolatevi come i pasticcini di riso del N. 463.

Con questa dose ne farete da 18 a 20.

Prima di servirli spolverizzateli di zucchero a velo.

463. - Pasticcini di riso

Riso, grammi 150.
Zucchero, grammi 70.
Burro, grammi 30.
Candito, grammi 30.
Latte, decilitri N. 8.
Uova, N. 3.
Rhum, cucchiaiate N. 2.
Sale una presa.

Cuocete moltissimo il riso rimuovendolo spesso col mestolo perchè non si attacchi. A due terzi di cottura versateci dentro io zucchero, il burro, il sale e il candito tagliato a pezzettini. Quando sarà cotto e diaccio aggiungete il rhum, i rossi d’uovo prima e le chiare montate dopo.

Prendete gli stampini da brioches, ungeteli bene col burro, spolverizzateli di pangrattato, riempiteli e cuoceteli al forno di campagna.

Con questa dose ne farete 12 o 14.