Pagina:Artusi - La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene, Landi, 1895.djvu/375

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

355


di campagna e lo si vede cuocere in pubblico nelle forme da cialde.

Uova, N. 2.
Zucchero, grammi 120.
Anaci, grammi 10.
Sale, una presa.
Farina quanto basta.

Fatene una pasta piuttosto soda, lavoratela colle mani sulla spianatoia e formatene delle pallottole grosse quanto una piccola noce. Ponetele alla stiaccia nel ferro da cialde a una debita distanza l’una dall’altra e, voltando di qua e di là il ferro sopra al fornello ardente, levatele quando avranno preso colore.



DOLCI AL CUCCHIAIO


466. - Torta di Riso

Latte, un litro.
Riso, grammi 200.
Zucchero, grammi 150.
Mandorle dolci con 4 amare, grammi 100.
Cedro candito, grammi 30.
Uova intere, N. 3.
Rossi d’uovo, N. 5.
Odore di scorza di limone.
Una presa di sale.

Le mandorle sbucciatele e pestatele nel mortaio con due cucchiaiate del detto zucchero.

Il candito tagliatelo a piccolissimi dadi.