Pagina:Artusi - La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene, Landi, 1895.djvu/382

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
362
Burro, grammi 100.
Zucchero a velo, grammi 100.
Caffè in polvere, grammi.30.

Fate bollire la detta polvere in pochissima acqua per ottenere due o tre cucchiaiate soltanto di caffè chiaro, ma potentissimo. Lavorate il burro per circa mezz’ora, rammorbidito d’inverno a bagno maria, girando il mestolo sempre per un verso; aggiungete lo zucchero e lavoratelo ancora molto, per ultimo il caffè a mezzi cucchiaini per volta arrestandovi quando sentite che il gusto del caffè è ben pronunziato.

Versate il composto sopra la torta quando sarà diaccia e distendetelo pari pari con un coltello da tavola; ma per averlo bene eguale ed unito passategli sopra a poca distanza una paletta infocata.

A vostra norma, questa crosta di gusto delicatissimo, deve avere il colore del caffè-latte. Al caffè, volendo, si può sostituire la cioccolata infusa.


472. - Pasticcini di pasta beignet coperti di cioccolata

Servitevi della ricetta N. 464, ma teneteli più piccoli onde averne da 20 a 23. Riempiteli con crema, o panna montata, o conserva di frutte.

Frullate nella cioccolatiera sul fuoco il seguente composto:

Cioccolata grattata, grammi 120.
Zucchero in polvere, grammi 50.
Acqua, decilitri 1.

Quando sarà ben frullato, come la cioccolata che si serve in tazza, versatelo cosi a bollore sui pasticcini a suolo per suolo che disporrete in bella mostra sopra un vassoio ove facciano la colma.