Pagina:Balbo, Cesare – Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni, Vol. I, 1913 – BEIC 1740806.djvu/251

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

dei comuni 245

che sono le prime di tutte quando elle s’esercitano per la patria, ma che non sono piú virtú, quando per la paga, o peggio, per la preda. Il coraggio virile non è che animale, quando scoppia solamente dalla passione; e diventa bestiale, quando non ha scopo che del vitto; e inferiore al bestiale, quando ha scopo di semplice ricchezza; ed io non gli trovo nome che d’infernale, quando s’esercita ad oppressione. — E quindi parmi chiaro che da costoro incominci e venga in gran parte quel pervertimento, e poi quella perdizione quasi totale della vera virtú o spirito militare, che è pur troppo innegabile in Italia. Innegabilmente, questa virtú sussisteva ancora ai tempi delle fazioni di Milano, di Tortona, di Crema, d’Alessandria, d’Ancona e di Legnano, nella seconda metá del secolo decimosecondo. Ma dal principio del decimoterzo, incominciando le compagnie di stranieri od anche d’italiani, a darsi a nolo, e bastando essi poi a tutte le guerre fatte per due secoli, ne venne naturalmente che il grosso degli italiani, cittadini, borghigiani e contadini, si disavvezzarono dall’armi, da quel vero e virtuoso mestiero dell’armi, che io non so dire se sia piú necessario a mantenere la moralitá degli individui, o la indipendenza della nazione. Le cittá mercantili principalmente, e le contrade all’intorno, Venezia e Firenze soprattutto, fecero ogni lor guerra piú co’ fiorini che con l’armi proprie; pagando il sangue altrui, disimpararono a spargere il proprio. Né si citi, all’incontro, l’assedio di Firenze, od altre simili fazioni; sono lampi, eccezioni; e il vero spirito militare è abitudine. E il peggio fu quando, perduta questa, vennero meno (com’era naturale nella civiltá progredita) le compagnie che v’aveano, malamente, pur supplito. Allora non rimase piú nulla di veramente militare nelle evirate province d’Italia, o meno in quelle piú anticamente disavvezze; non ne rimase piú se non in Piemonte. Il quale lo deve a’ principi suoi, che lo salvarono dall’armi pagate, dalle compagnie di ventura; capitani, venturieri essi stessi in que’ secoli, cavalieri prima, generali dopo, militari sempre, di razza, secondo i tempi. Ma se lo tolgano di mente gl’italiani, i quali volgon gli occhi bramosi a questo Piemonte, a questi principi: la prova fu fatta; non