Pagina:Balbo, Cesare – Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni, Vol. I, 1913 – BEIC 1740806.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
56 libro secondo

Cleopatra, ed offeso Ottavio con repudiare la sorella di lui [32], s’aprí finalmente la guerra tra’ due; e si finí in un atto, in una gran battaglia navale ad Azio. Antonio vinto rifuggí alle braccia di Cleopatra, ed inseguitovi da Ottavio vi s’uccise. Cleopatra l’imitò. L’Egitto fu ridotto in provincia; il duumvirato diventò principato; la repubblica, serbando il nome, fu tutta del nuovo e minor Cesare.

23. Religione, coltura. — Delle condizioni politiche e civili di questa etá dicemmo via via, e cosí faremo per le etá seguenti; ondeché ne diremo separatamente. — La religione poi, simile, come vedemmo, nell’origine e nella genealogia degli dèi alla greca, si accomunò ora interamente con essa; e perché i greci l’avean giá accomunata a tutto l’Oriente, ed ella non trovava nell’Occidente numi e culti molto diversi, ella diventò, senza difficoltá, universale nel mondo romano. Ogni politeismo è naturalmente tollerante; serbando gli dèi propri, ammette a secondari gli dèi stranieri. Del resto, tali religioni, tutto esterne di natura loro, erano in Grecia diventate giá indifferenti a chiunque vi s’internasse colla filosofia; e cosí diventarono ai romani quand’ebber bevuta quella filosofia. La religione rimase poco piú che arte politica, stromento, arcano d’imperio, in mano a’ patrizi, che serbarono fino alla fine della repubblica la privativa del sommo pontificato e de’ sacerdozi maggiori. — Incominciata da Socrate, Platone, Aristotele e gli altri capiscuola, questa fu la grande, la utile etá della filosofia; non ne sorgerá mai piú un’altra tale. In seno alla religione vera, restan minori di necessitá i destini della filosofia. All’incontro la filosofia greco-romana andava molto piú oltre e piú giusto nella veritá che non la religione contemporanea; e perciò fu grande ed utilissima. E perciò Cicerone, tutti i romani professavano doversi prendere da essa, eloquenza, lettere, ius pubblico e privato, costumi, ogni civiltá, ogni coltura, di preferenza che dalla religione. — Le lettere specialmente dipendettero tutte, si conformarono tutte dalla filosofia. Del resto, le romane furono sempre figliuole delle greche; fin dall’origini, quando è tradizione che Numa le prendesse da Pitagora (tradizione falsa quanto