Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, I.djvu/105

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
102 parte prima

vi avessero detto male, io averei, giá molti di sono, sentito un piacer grandissimo sí come ora sento. Basta che se sarete negligente a darmi risposta, che io saperò come governarmi, avendo adesso cosí buona sferza che vi fará sentir le mie querele. Ma io non voglio ora risponder a parte per parte a la dolcissima vostra lettera, riserbandomi a la venuta di Gabriele Villano, che il signor Pirro fra otto o dieci giorni manderá a Napoli. Solamente rispondo a quella parte ove mi dite che io vi mandi alcuna de le mie novelle. Onde essendo stato qui a Gazuolo il nostro messer Giacomo Cappo, ove giá dieci giorni sono che io venni, ed avendo narrata una novella che io subito scrissi, quella ho trascritta e per il presente staffiero ve la mando, non avendo per ora novelle né rime meco. So bene che non accade che io vi dica che la prendiate allegramente ed abbiate cara, sapendo che tutte le ciance mie sempre vi sono state carissime. Ricordatevi ciò che circa questa materia diceste, essendo a Diporto, a madama illustrissima di Mantova. Restami ricordarvi che io son tanto vostro quanto mai fossi, e che distanza di luogo o lunghezza di tempo mai non scemerá l’affezione mia verso di voi, e meno la riverenza. State sana.

NOVELLA VII

Baldoino di Fiandra in mare prende Giudit di Francia e la sposa per moglie.

Fu antichissimo costume dei regi de la Francia di mandar uno dei vassalli loro, o chi piú loro era a grado, a governar il paese de la Fiandra, il quale nomavano il forestario, perciò che quella regione era tutta piena di folte e grandissime foreste quando primieramente cominciò ad abitarsi. Tuttavia fu poi di maniera abitata e coltivata e venne quel paese domestico e frequentato da popoli che ora è buona e famosa provincia e molto mercantile. Avvenne adunque che, essendo re di Francia Carlo, per sovra nome chiamato Calvo, di Roma imperadore e figliuolo di Lodovico Pio, che anco fu imperador romano, avvenne — dico — che in corte d’esso Calvo fu un Baldoino