Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, I.djvu/286

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

novella xxi 283

IL BANDELLO

a la molto magnifica e vertuosa signora

la signora

cecilia gallerana

contessa Bergamina

salute


Questa state passata, essendo voi per gli estremi caldi che ardevano la terra partita da Milano e ridutta con la famiglia al vostro castello di San Giovanni in Croce nel Cremonese, m’occorse, insieme col signor Lucio Scipione Attellano, andare a Gazuolo, ove dal valoroso signor Pirro Gonzaga eravamo chiamati. Onde, passando vicino al detto vostro castello, ne sarebbe paruto commetter un sacrilegio se non fossimo venuti a farvi riverenza. Non voglio ora star a raccontare quanto cortesemente fussimo da voi con umanissime accoglienze raccolti e sforzati umanamente a restar quel di e duoi altri appresso con voi. Quivi, lasciando voi i soliti e dilettevoli vostri studi de le poesie latine e volgari, quasi il piú del tempo nosco in piacevoli ragionamenti consumaste. E ritrovandosi il secondo di con voi alcuni gentiluomini cremonesi, che lá d’intorno avevano le lor possessioni, furono a l’ora del merigge dette alquante novelle, tra le quali quella che il nostro Attellano narrò piacque molto a tutta la compagnia, e fu da voi con accomodate parole largamente commendata. Onde tra me stesso alora deliberai di scriverla e farvene un dono. E cosí, come da Gazuolo a Milano ritornai, sovvenutomi de la mia deliberazione, la detta novella scrissi. E ben che il soave dire del nostro facondo ed eloquente Attellano non abbia in questa mia novella espresso, non ho perciò voluto restar di mandarvela. Vi piacerá adunque accettarla, come solete tutte le cose a voi dagli amici donate