Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, III.djvu/76

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


IL BANDELLO

al valoroso signore

il signor

paolo battista fregoso


Provano tutto '1 di questi miseri innamorati quanta sia l'instabilitá e durezza d'alcune donne e come elle assai spesso s'attaccano al lor peggio. Provano medesimamente le semplici donne quanto grande talora sia la fierezza e la superbia d'al- cuni uomini e quanti gli inganni e tradimenti manifesti che loro, fingendo d'amarle, sono usati. Avviene nondimeno, né saperci dir il perché, che né questi da quelle né quelle da questi si sanno disbrigare, o per dir meglio, non vogliono svilupparsi, correndo tutte due le parti al lor danno, come le semplici farfalle volano, veggendo la fiamma, a la manifesta morte. E di questi errori se ne vedeno continovamente molti. S’è anco visto molte fiate che uno amerá una donna e non ritroverá in modo alcuno corrispondenza del suo amore, e cosí avverrá a la donna se ama l’uomo, anzi si fanno mille dispiaceri come se mortali nemici fossero. Ecco poi, come fortuna va cangiando stile, che chi odiava ama e chi amava cangia l’amor in odio. E chi prima aveva l’amante offeso, scordato l’ingiurie che a quello fatte non stima, pazzamente se gli dá in preda né può sofferir di vedersi disprezzare, onde bene spesso riceve il convenevol guiderdone de la sua crudeltá. E ancora che gli uomini diano talora del capo in questa rete, nondimeno le donne, come men caute e di natura assai facili a credere a le lusinghevoli e fallaci parole degli amanti, piú sovente in questi intricati lacci si vedono esser irretite. Dicasi pur la veritá: elle anco sono per l’ordinario piú compassionevoli di noi e con poca fatica perdonano le fatte lor ingiurie, del che non bisogna venir in prova,