Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, IV.djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


110 PARTE SECONDA tu faccia, averai di dote mille fiorini d'oro. Non ti par egli che questa sia dote da una gentildonna e cavaleressa? Piglia la ven¬ tura fin che Dio te la manda, e non lasciar passar questa occa¬ sione che di rado suol venire. — E come vuol egli — disse la giovane — darmi si fatta dote, che io non so chi si sia? — Oh ! — rispose la messaggera — tu sei sempliciotta anzi che no e non intendi o mostri non voler intender il fatto come sta. Io t’ho già detto che egli è di te grandemente innamorato e più brama che tu Fami che cosa che sia al mondo. E tu deveresti tenerti ben avventurosa che un simile gentiluomo t'amasse. Perciò, figliuola mia, disponti ad amarlo e donagli il tuo amore. Noi faremo bene le cose, che né tuo padre né altri Io risaperà già mai. — La giovane, quantunque di basso legnaggio e vilissimo fosse, era nondimeno d’animo generoso, altissimo e casto. Il per¬ ché, come ella senti la conchiusione e scelerata domanda de la ribalda vecchia, tutta arrossi nel viso e piena d'onesto sdegno con minacciosa voce le disse: — Taci, taci, ruffa e ribalda vec¬ chia ! che venga fuoco dal cielo che te e tue pari arda ! Io non so che mi tenga che io non ti cavi gli occhi con queste dita. Via col malanno che Dio ti dia, femina del diavolo! che possi tu fiaccarti il collo! A me ne sei venuta con queste tue diso¬ neste ciancie? Se tu ci torni più, a la croce di Dio che tu non ti partirai sana da me! Io te l’ho detto e dico: che tu non abbia più ardir di venirci, perché certamente tu pagheresti questa e quella insieme. — Partissi cheta cheta la malvagia vecchia tutta scornata e il successo de la cosa a l’amante narrò. Egli pen¬ sando che la giovane forse non si fosse voluta fidare de la vecchia, ancor che molto gli dispiacesse la rigida risposta, propose tra sé d'adoperar altro mezzo; onde primieramente, col mezzo d’un domestico del padre di lei, con danari tentò di corromperlo. Ma il buon uomo non volle udirne parola, risolvendo l’amba¬ sciatore che prima affogarebbe la figliuola che mai comportare che ella divenisse bagascia di chi si sia. Il giovine, molto di mala voglia che il fatto non gli succedeva secondo il suo disio, tentò molte altre vie, e tutte furono indarno, con ciò sia che la fanciulla era nel suo casto proposito più salda e ferma che