Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, IV.djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


NOVEI.1.A XLV1 ri NOVELLA XLVI Alto memorabile di Massimigliano Cesare che usò verso uu povero contadino ne la Magna esscndo'a la caccia. Cose assai oggi, amabilissime donne e voi coitesi giovini, dette si sono, tutte nel vero piacevoli e belle e da le quali si può prender essempio al nostro vivere, facendo de le altrui azioni profitto a noi stessi. Ma poi che volete che anco io ra¬ gioni ed alcuna cosa od utile o dilettevole vi dica, venendo io d’Alamagna per passar in Ispagna, imiterò i mercadanti che tor¬ nando di Soria recano de le cose di quel paese. Discoprirò adunque de le robe germaniche, dicendovi che assai sovente l’uomo, per non esser conosciuto e talora mal vestito, incappa in perigliosi accidenti e spesso in cose ridicole, come avvenne a Filopemone megalipolitano, duce degli achei e ne l’arte militare eccellentissimo. Deveva egli andare a Megara a cena a casa d’un suo amico, ed ancora che gente assai solesse seco condurre, pur quella volta tutto solo entrò in Megara e andò a l’albergo de l’amico, ove l’apparecchio grande si faceva. Il padrone non era in casa e la moglie di quello attendeva a preparar il convito. Ella che non conosceva Filopemone, come lo vide, pensò che fosse uno dei servidori del duce e gli disse: — Tu sia il ben venuto. To’ questa scure e spezza cotesti ceppi. — Filopemone senza dir altro, cavatasi la cappa, cominciò a lavorare. Venne in questo il padrone de la casa, il quale, come vide il duce spezzar legna, tutto pieno d’ammirazione disse: — O Filopemone, che cosa fai? — A cui egli lietamente rispose: — E che altro pensi tu che sia, se non che io porto la pena de la disformità del mio vile vestire? — Quasi a simil modo fu trattato Massimigliano Cesare. Egli, come si sa, meravigliosamente de la caccia si dilettava, essercizio da Zenofonte molto lodato. Ebbe egli ope- nione che i soldati greci per la assiduità de le venazioni dive¬ nissero prodi de la persona. Plinio nipote commenda senza fine Traiano perché ne la caccia si essercitava. Essendo adunque