Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, IV.djvu/205

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


202 PARTE TERZA NOVELLA XIII Leonzio da Castrignano ama la Neera e poi l’abbandona ed ella in un pozzo s’affoga. Ne la provincia d’Otranto, in un castello chiamato dai pae¬ sani Castrignano, non molto dopo che Alfonso duca di Calabria con gloriosa vittoria cacciò dal Regno i turchi che Otranto gli avevano rubato, fu una giovane assai bella ed avvenente, ma di mezzani parenti discesa, il cui nome era Neera. Di lei un gio¬ vine de la contrada assai nobile e ricco, vinto da le bellezze di quella, s’innamorò. E perché era nobile e dei beni de la for¬ tuna ben provisto, ed essendo senza padre spendeva largamente, ebbe grandissima commodità di farle parlare e manifestarle il suo amore. Ella, che pur avveduta e di grande animo era, co¬ noscendo il giovine, che Leonzio si chiamava, esser dei primi del luogo e sé di basso legnaggio nasciuta e a lui non uguale, non dava troppo Orecchie a l’ambasciate e messi di quello. Leonzio, che ardeva e averebbe voluto venire a la conchiusione d’amore, non cessava di continovo con messi ed ambasciate di tentarla e tutto ’1 di ricercarla che volesse di lui aver compas¬ sione, promettendole che sempre l’amerebbe e mai non l’ab- bandoneria. Ella, quantunque Leonzio le paresse degno d’esser amato, nondimeno, conoscendolo ricco, dubitava forte che come egli avesse avuto l’intento suo, non l'abbandonasse ed altrove rivolgesse il suo amore. E per questo mai non mandò buona risposta a l’amante, anzi si mostrò sempre più dura e più rigida. Il che fu cagione che il giovine più s’accese e deliberò di fare o per una via o per un’altra tanto che venisse a fine del suo desiderio. E trovata una ribalda vecchia, quella mandò a Neera; la quale tanto seppe dire e far con lei, che ella s’indusse a volger l’animo a Leonzio e a poco a poco ad amarlo. A lungo andare col mezzo de la scaltrita vecchia si trovò Leonzio a parlamento con Neera, la quale, ancora che a lui volesse gran bene, non¬ dimeno mai non gli volle di sé far copia, fin che egli in pre¬ senza de la vecchia non le promise di prenderla per moglie.