Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, IV.djvu/223

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


220 PARTE TERZA l'infermo mostrata gli aveva. Ivi ritrovò uno scritto di banco si bene contrafatto che proprio pareva fatto nel banco degli Spinelli a Napoli, per Io quale i banchieri d’esso banco si obli- gavano a render seicento ducati d’oro in oro a chiunque gli porterebbe il detto scritto, mostrando che Bigolino gli avesse su il banco depositati. Come il vescovo vide lo scritto, facilmente credette che fosse vero e pensò che Bigolino gli avesse depo¬ sitati in quel tempo che egli seco era stato a Napoli, conve¬ nendo la data de lo scritto con quel tempo; e tanto più teneva questo per vero che sapeva in quei di dal viceré e da' baroni esser state donate di molte cose a Bigolino, e che anco aveva avuti dei ducati per le piacevolezze sue che fatte aveva. Onde tra sé disse: — Veramente non è cosi pazzo Bigolino come è tenuto. Egli s’ha molto bene saputo governare. — Era il vescovo non solo de l’entrata del vescovado ma di molte altre rendite assai ricco, ma avaro troppo; onde si persuase che Bigolino gli avesse data la cedula a ciò che i danari gli restassero, e cosi serbò lo scritto. Quando fu ciascuno ito a dormire, Bigolino con l’aiuto de l’amico cenò a suo bell’agio e poi dormi sin passata mezza notte; nel qual tempo il compagno ebbe modo d'aver un bacile di sangue e tutto lo riversò dinanzi al letto di Bigolino, che già tutto il volto s’era insanguinato. Il compagno levò il romore come Bigolino moriva. Venne il cappellano, che gli cominciò a raccomandar l’anima come si fa a chi muore. Vennero anco degli altri. Bigolino faceva tutti quegli atti che si fanno nel morire, e ne l’ultimo se ne rimase come morto. Veg- gendo tutti l'abondanza del sangue, che da la bocca credevano che il cattivello avesse gittato, e la pallidezza che in viso dimo¬ strava, tutti il tennero per morto. 11 buon suo compagno, fattosi recar de l’acqua, non volendo aita di persona, disse che lo voleva lavare. E restato seco solo in camera, gli lavò il viso e Io involtò in un lenzuolo, essendo sul far del di. Il vescovo, intendendo Bigolino essere morto, ebbe doglia d’averlo per¬ duto e allegrezza d’aver guadagnati i seicento ducati. Venne il compagno di Bigolino e disse al vescovo: — Io ho, monsi¬ gnore, lavato il mio povero amico, il quale è tutto disfatto per