Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, IV.djvu/238

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


NOVELLA XVII 235 assai straziata ed essersi di lei a bastanza vendicato, andò a tro¬ vare il re; e fattagli la debita riverenza, con meravigliosa festa del re e di tutti cominciò a favellare, e a quello narrò tutta l'istoria di questo suo si lungo silenzio. Poi supplicò umilissimamente al re che a tutti quelli che erano in prigione fosse perdonato e medesimamente a la donna; il che fu dal re fatto essequire. Onde cavata la donna di prigione e a la volta di Piemonte volendo con grandissima vergogna ritornare, monsignor Filiberto volle che al suo albergo ella e la sua compagnia alloggiassero. Chiamata poi a parte, la donna, egli cosi le disse: — Madonna, voi sa¬ pete come in Moncalieri io molti mesi vi feci il servidore, ché in vero io ardentissimamente v’amava. Sapete poi che per un bacio mi comandaste che io stessi tre anni mutolo. E vi giuro, se voi alora o dapoi che andai a Virle m’aveste assolto dal giuramento, che io vi sarei restato eternamente servidore. Ma la crudeltà vostra m’ha fatto andare ramingo circa tre anni, nel qual tempo, Dio grazia e non la vostra mercé, mi è si bene av¬ venuto che io ci sono diventato ricco e mi trovo in buona grazia del mio re. E parendomi aver di voi giusta vendetta presa, voglio esservi di tanto cortese, che, possendovi lasciar troncare il capo, vi pagherò largamente le spese del viaggio che fatto avete ed anco per il ritorno. Imparate mò a governarvi con prudenza e non ¡straziar i gentiluomini, perciò che, come proverbialmente si dice, «gli uomini s'incontrano e non i monti ». —Fecele dunque dar danari a sufficienza e la licenziò. Volle il re che pigliasse moglie e gli diede una ricca giovane che ereditava alcune ca¬ stella. Mandò poi a chiamar l’amico suo spoletino e lo ritenne seco, dandogli il modo di vivere agiatamente. E cosi con buona grazia del re sempre se ne visse, e dopo la morte del re Carlo settimo restò anco in favore appo il re Lodovico undeci