Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, IV.djvu/286

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


IL BANDELLO

al vertuoso ed illustre signore

il signor

cesare trivulzo

salute


Ancor che l’etá nostra in molte cose sia, se non superiore, almeno a quelle antiche passate e tanto famose uguale, come tante fiate voi e il dotto messer Girolamo Cittadino meco ne lamia camera avete ragionato, discorrendo ne le cose de l’armi e de la milizia moderna e d’ogni sorte di lettere; in una cosa si può dire che ella sia di gran lunga inferiore, né credo che voi e il Cittadino mi debbiate contradire, perciò che la cosa è troppo chiara e manifesta. E questa è la carestia dei buoni scrittori, dei quali quei tempi antichi erano copiosissimi. A quei tempi se un uomo o donna faceva un atto o diceva un arguto motto che meritassero lode, subito erano scritti. Né bastava loro semplicemente descrivere la cosa come era stata fatta o detta, ma con titoli, con epigrammi, con statue ed archi celebravano, onoravano, lodavano e la cantavano. Per lo contrario a’ nostri giorni non solamente non cerchiamo di essaltare e magnificare l’opere meritevoli di lode e commendare i belli e ingegnosi detti che secondo l’occorrenti materie si dicono; ma, che molto peggio è, non ci è chi gli scriva, mercé del guasto mondo ed avaro e di tante mortali ed orrende guerre che la povera Italia hanno tanti e tanti anni tenuta oppressa, di modo che si può con veritá dire che le muse ai fieri tuoni di tamburi, trombe e artigliarie sono in cima di Parnaso fuggite. E nondimeno si vede che tutto il di accadeno cose bellissime che sono degne d’eterna memoria. Ora avendo il nostro signor Giovanni Castiglione fatto un desinare a molti gentiluomini e gentildonne, dopo