Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, IV.djvu/369

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


i .566 PARTE TERZA fare, come quella che in effetto non l'amava. Nondimeno raccolse il cavaliero assai graziosamente, ma non si curò molto di vedere quei capi che egli portati aveva. Il fatto per la corte si divolgò, e la reina Isabella volle il tutto intendere e veder le teste, ed agramente riprese don Giovanni che a si fatto rischio ad istanza d’una donna si fosse senza alcuna ragione posto. Il cavaliero si scusò gettando la colpa in Amore, e cosi come da prima se¬ guitava la sua mal avventurata impresa. Leonora, più per ver¬ gogna che per amore che in lei fosse, faceva assai buon viso a don Giovanni e talora gli faceva di quei favori che publica¬ mente ne le corti da le damigelle a’ loro innamorati si fanno. Ma egli averebbe voluto di quei favori secreti e da dovero, dei quali Leonora glien’era scarsissima. Fu molte fiate il cavaliero ripreso dagli amici suoi con dirgli che egli s'era messo in luogo a lui non convenevole, perciò che la giovane non era di molto nobile schiatta, e che era pazzia la sua in seguir cotal impresa. Ma egli o non voleva o non sapeva o forse non poteva ritirarsi, e tutto il di a la sua nemica diceva: — Che cosa volete voi, signora mia, che io faccia, per assicurarvi che unicamente v'amo? — Ella, cosi freddamente, gli rispondeva che de l’amor di lui era certa e sicura e che egli era da lei sovra ogn’altro amato, e in questi parlari andavano passando il tempo. Ora avvenne che essendo la corte in Siviglia, ove il re faceva in certo luogo nodrire alcuni lioni, che la reina con tutte le sue donne e molti cavalieri andò a vedere essi lioni ne l'ora che il loro governa¬ tore dava loro a mangiare. Quivi stando sovra il « corrale » e tuttavia don Giovanni ragionando con Leonora, ella, o che non se n’avvedesse o pur che a diletto il si facesse, si lasciò cadere uno dei suoi guanti profumati dentro il cortile dei lioni; poi tutta di mala voglia disse, quasi lagrimando: — Oimè, Dio! chi mi recherà il mio guanto che m’era si caro? ora conoscerò chi mi vuol bene. — Alora don Giovanni scese a basso e, fattasi aprire la porta, con la cappa al sinistro braccio avvolta e la spada ignuda ne la destra, entrò animosamente nel cortile ove i lioni ancora erano, e senza ricevere da loro nocumento alcuno, con infinito stupore di tutti, pigliò il guanto ed usci fuori. Poi