Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, IV.djvu/460

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


NOVELLA LIV 457 convito apparecchiato nel palazzo de la co min unità di Barcellona in una sala molto grande, essendo cosi la costuma del paese, che tutti i signori e grandi personaggi de la contrada, quando conducevano moglie, che il primo convito de le nozze facessero in quella sala e quivi di propria mano la moglie risposassero. Aveva il conte di Prata supplicato il re che degnasse con la pre¬ senza sua onorar le nozze; il che il re non solamente aveva detto di fare, ma anco s’era offerto d’andar fuor di Barcellona ad in¬ contrar la sposa e quella, a la spagnuola, condurre di compagnia al palazzo. E desiderando onorar il suo vassallo, cosi come pro¬ messo l’aveva, l’attese; perché, quando tempo gli parve, mon¬ tato a cavallo con tutta la corte, andò fuor di Barcellona, prima che la sposa trovasse, più di tre miglia. Ora, incontrata che l’ebbe, fatte le convenienti cerimonie, se la pose, ancor _che ella gli fa¬ cesse grandissima resistenza, a la destra, e prese le redine de la chinea su la quale era la sposa e quella verso Barcellona comin¬ ciò a menare. E parlando seco e la beltà di lei minutamente considerando, si fieramente di quella s’innamorò, che in un su¬ bito s’accorse del suo fervente amore e conobbe le fiamme di quello esser penetrate cosi a dentro, che impossibile era di po¬ terle in parte alcuna ammorzare. Non ebbe perciò mai ardire di farle pur un motto circa a questo, tuttavia pensando che mezzo tener devesse per divenir di quella possessore. E mille pensieri ne l’animo suo ravvolgendo ed ora ad uno ed ora a l’altro ap¬ pigliandosi, né sapendo dove fermar il piede, a la città d’un’ora innanzi la cena arrivarono. Quivi essendo giunti, si cominciò a ballare a la catalana e star su le feste, fin che l’ora de la cena venisse. Il re fece il primo ballo con la sposa, tuttavia pensando ai suoi fieri disii, e tanto piacer sentiva con quella ballando, che averebbe voluto che quel ballo fosse tutto quel di durato. Fatto il primo ballo, il re si pose solo in un canto a sedere e quivi, senza parlare con nessuno, diceva tra sé: — Non sono io re di Ragona e padrone libero di tutto questo reame? chi adunque mi divieta che io di questa bella giovane non prenda tutto quel piacere, che la sua beltà e la mia giovinezza mi mette innanzi? chi presumerà di cosa, ch'io mi faccia, riprendermi? a qual