Pagina:Bandello - Novelle. 3, 1853.djvu/181

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

novella xl. 179

ratezza che da sè ordita aveva, affermando che falsissimo era quello di cui ella da prima accusò ed incolpò Giulio e Cinzia, confessando apertamente che sì vituperosa trama fatta aveva, per tener la mano nei capelli a Cinzia, ed altresì per aver maggior libertà a far di sè copia a chi più le fosse aggradito. Disse medesimamente degli assalti che dati aveva a Giulio ed a Cinzia, e a che fine, come di sovra vi narrai. Quanto la scellerata e rea femina fosse da tutti, che quivi erano, biasimata, e molto più da Cinzia, ciascuno il può da sè pensare. Giulio tutto pieno di mal talento se ne stava, e tanta era l’ira che l’ingombrava, e lo sdegno che contro la balia lo irritava, che tutto gonfio per troppa pienezza di collera, nulla poteva dire. Ora, mandata la balia fuor di camera, disse Delio: lodato sia Iddio, che noi siamo chiari che questa dista balia aveva troppo bevuto, e ciò che ella insognata s’era, ha narrato come cosa seguita. Che Dio le perdoni, poichè pentita di tanto male, ha il peccato suo confessato. E certamente non se le vuol dare alcun castigo, poichè il fatto è terminato a buon fine, ma lasciarla stare, acciò meglio si riconosca in quanto errore ella sia cascata. Ella si vorria, soggiunse Flaminio pieno d’ira, strozzare o arder viva; io per me so bene, se avesse così parlato di me, come ella ha fatto di Giulio, che io la concerei di tal guisa, che più non faria di queste truffe; e se volesse straparlare, di sè e delle sue pari ìcicateria. Bene dice il vero Flaminio, e parla da uomo di cuore, disse Cinzia, che questa trista si vorrebbe cacciar del mondo, e spegner così maldicente lingua; e se non fosse che la figliuola non vuole poppare altra che si sia se non lei, ella non saria a quest’era in casa; ma l’amore della mia figliuoletta me la fa ritenere. E in somma ciascuno lapidar la voleva, e bandirle la crociata addosso; il perchè Delio allora disse: lasciamo star, per Dio! questa bestiuola, alla quale, poichè Cinzia dice la figliuola non voler poppare altra che lei, egli si conviene averle riguardo; che di leggiero, se ora si garrisse, o se le facesse alcun nocumento, ella potrebbe guastar il latte, che sarebbe cagione della morte della picciola creatura. E che vendetta volete voi pigliar d’una vil femminuccia? Non sapete voi che la natura ed il sesso loro le fanno sicure dagli uomini, e che a noi non sta mai bene ad imbrattarci le mani nel sangue loro? lasciamo far alla giustizia del mondo e a quella di Dio. Bastar ci deve assai per ora che Giulio sia conosciuto per uomo da bene, e Cinzia altresì per donna che a Camillo non sia stata sleale, che in vero io per infiniti rispetti ne ho un estremo piacere, e veggio levata via la strada a molti scandali che