Pagina:Baretti - La frusta letteraria I.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


24 LA FRUSTA LETTERARIA DELLA PRESERVAZIONE DELLA SALUTE DE’ LETTERATI E DELLA GENTE APPLICATA E SEDENTARIA. Opera postuma di Giuseppe Antonio Puiati. In Venezia, 1762, presso Antonio Zatta, in 8». lersera quel benedetto don Petronio Zamberlucco m’ebbe quasi a far diventar rabbioso, volendomi sostenere che il no- stro popolo italiano è più studioso e più dotto d’ogni altro popolo d’ Europa. Quantunque dal di che nacque egli non abbia visto cinquanta miglia di paese, e quantunque delle lingue viventi non sappia altro che la sua con un po’ di fran- cese, e che per conseguenza non possa essere competente giu- dice d’una tale quistione, pure difese la sua pazza tesi con tanto feroce ostinatezza, che se non fosse prete, io credo certo gli avrei scagliato in capo un tomo in folio che avevo di- nanzi, malgrado il gran bene che mi vuole e malgrado il grandissimo ch’io voglio a lui. In una disputa che cominciò alle ventitré ore e che durò quasi sino alla mezza notte, pro- babilmente con qualche scandolo e disturbo de’ nostri vicini, non mi valse citargli un mondo di libri buoni, che sono co- munementi letti da alcune nazioni da noi credute poco meno che barbare; e quel che è peggio, non mi valse nulla il fargli una prolissa enumerazione de’ tanti pessimi libri, che oggi sono in grandissima voga e che fanno la mentale delizia d’ innumerabili leggitori della nostra gloriosa contrada. Vuoi tu una irrefragabil pruova, don Petronio, che in Italia si studia universalmente poco e male? Dà soltanto un’occhiata ai libri che tuttodì si stampano e si ristampano. Romanzi e storie galanti bestialmente tradotte dal francese, e bislaccherie del Chiari e di molt’altri, nelle quali non v’è né bella invenzione, né lingua pura, né stile naturale, né verità di costume, né massime utili, né documenti che vagliano un’acca. E qual’ è quella nazione moderna che abbia tanti libri quanti n’ha la nostra, ne’ quali la virtù sia tanto costantemente scambiata per vizio, e il vizio scambiato per virtù? E se di tanto in